in due parole, tanto per non farla lunga.

La mia foto
Grafica milanese. Ossessionata, ossessiva, ossessionante (vedi alla voce figlia e madre e moglie, decisamente ossessionante). In un'altra vita volevo essere una di quelle tizie che vanno in giro a scoprire le nuove tendenze, si dice così? Come si porta l'orlo dei jeans e come ci si trucca per avere un aspetto vissuto ma etereo, cose di questo tipo. Nel frattempo cerco di fare poche cose ma discretamente bene. Non mi sono comprata l'impastatrice, per intenderci. E sono di quelle convinte che l'arte ci salverà la vita. Sempre se non ci prenderemo troppo sul serio, però.

giovedì 13 settembre 2012

Sorrentinomania.


L'uomo in più
di Paolo Sorrentino
Italia, 2001

Il suo primo film, che contiene già le tematiche, la classe, la profondità dei successivi.
Visto per la prima volta solamente ieri sera.
A confermarmi che mi sento a casa, con i film di questo regista dallo sguardo malinconico. Indipendentemente dalle tematiche trattate: perchè un filo conduttore spesso e denso che le attraversa, e che attraversa me, e mi fa pensare tanto, e allo stesso tempo appaga la vista e l'udito e tutti i sensi; un viaggio doloroso e necessario dentro se stessi, che poi se certi film li vedi in determinati momenti della tua vita, resti scosso, e emozionato, e ti senti un pò meno solo.

Cito da ondacinema.it:
“L’uomo in più” non è soltanto una tattica calcistica (peraltro realmente applicata da Ezio Glerean, allenatore del Cittadella negli anni 90), bensì un’intuizione, un' ipotesi di rinascita, la speranza di essere riconosciuti come persone. “La tattica è il passaggio dal caos giovanile alla maturità”

E poi. 
Toni Servillo immenso, e stavolta anche cantante.
Che dire?

 “Niente, io sono uno di quelli che, per ingordi di etichette deficienti, viene definito un cantante da night. Però io non sono un’etichetta. Io sono un uomo. Ma che dire, col senno di poi, non era meglio essere un’etichetta?” 
(Tony Pagoda, in “Hanno tutti ragione”) 

4 commenti:

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

anch'io ero stato preso dalla sorrentinomania, qualche tempo fa. dopo aver visto this must be the place mi ero recuperato anche gli altri che non avevo ancora visto.
direi che è l'unico regista italiano di cui ho apprezzato tutti i film, quale più quale un po' meno.
un 5 su 5 clamoroso!

MrJamesFord ha detto...

Pà, concordo in pieno su Sorrentino, a parte This must be the place.
L'uomo in più, tra l'altro, è il suo titolo che preferisco, ascoltando il cuore.

pa ha detto...

la mia classifica personale invece è:

this must be the place
le conseguenze dell'amore
il divo
l'uomo in più
l'amico di famiglia

ma è una classifica che va semplicemente con l'umore, dal momento che sono tutti e 5 clamorosi.

Lorant ha detto...

è da 5 anni a questa parte che vado in giro gridando che sorrentino è il miglior regista contemporaneo che abbiamo. Un capolavoro inanellato nell'altro, non c'è che dire, è indubbio. Per l'uomo in più basta solo la prima sequenza dell'incazzatura "brutti stronzi dimmerda" per essere impossessato. BOOMBA

bazzicano da queste parti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...