in due parole, tanto per non farla lunga.

La mia foto
Grafica milanese. Ossessionata, ossessiva, ossessionante (vedi alla voce figlia e madre e moglie, decisamente ossessionante). In un'altra vita volevo essere una di quelle tizie che vanno in giro a scoprire le nuove tendenze, si dice così? Come si porta l'orlo dei jeans e come ci si trucca per avere un aspetto vissuto ma etereo, cose di questo tipo. Nel frattempo cerco di fare poche cose ma discretamente bene. Non mi sono comprata l'impastatrice, per intenderci. E sono di quelle convinte che l'arte ci salverà la vita. Sempre se non ci prenderemo troppo sul serio, però.

giovedì 26 aprile 2012

con il naso all'insù (seconda parte).











Testi e foto © Pa

3 commenti:

MrJamesFord ha detto...

Gran bel collage, Pà!
Sa molto di viaggio.

Adriana Riccomagno ha detto...

Meraviglia!

Marta Silenzi ha detto...

Proprio belle. Il taglio, la lavorazione, la suggestione colta in poche righe. E poi io ci cado dentro ogni giorno in questo scenario magnifico...

bazzicano da queste parti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...