in due parole, tanto per non farla lunga.

La mia foto
Grafica milanese. Ossessionata, ossessiva, ossessionante (vedi alla voce figlia e madre e moglie, decisamente ossessionante). In un'altra vita volevo essere una di quelle tizie che vanno in giro a scoprire le nuove tendenze, si dice così? Come si porta l'orlo dei jeans e come ci si trucca per avere un aspetto vissuto ma etereo, cose di questo tipo. Nel frattempo cerco di fare poche cose ma discretamente bene. Non mi sono comprata l'impastatrice, per intenderci. E sono di quelle convinte che l'arte ci salverà la vita. Sempre se non ci prenderemo troppo sul serio, però.

mercoledì 18 gennaio 2012

intervista a LTfgg.

Ora che ci siamo tutti ambientati nel nuovo anno,
è ora di riprendere le buone vecchie abitudini.
Ripartiamo quindi con le interviste,
e chiedo scusa se alcune le ho tenute nel cassetto per troppo tempo, ma non mi ero dimenticata.
Era solo per creare un pò di pathos.
Oggi si chiacchiera con LTfgg.



nome
LTfgg
nome del suo blog
Lolita fa gli gnocchi
come l'ho conosciuta
in rete, as usual


intervista



Hai un soprannome? E se sì, ci racconti come è nato?

Ne ho tanti, ma quello che mi piace di più è Charlie. E' da maschio. Ma del resto io un po' lo sono. Un po' rozzetta. Tanto indipendente. Niente calzetta e cucina. Anzi per carità la cucina.
Comunque, tornando al soprannome, mi è stato regalato dal mio migliore amico: ci chiamiamo così a vicenda. Perché io ci credo fermamente nell'amicizia uomo-donna. Esiste, e per fortuna!

Come è iniziato il tuo blog?
Quest'ultimo è l'evoluzione di quelli che lo hanno preceduto. Tutti sono nati fondamentalmente per il fatto che mi piace scrivere, ma soprattutto condividere. Insomma comunicare: l'esigenza primaria dell'uomo.

Da piccola cosa volevi diventare?
Volevo fare la fruttivendola. Mi ero fatta regalare un banchetto attrezzatissimo della Fisher-price (altro che Barbie!). Me lo ricordo ancora. Quant'era bello con tutta quella frutta di plastica colorata. Perfetta. Soprattutto perché ero io a dettare legge, imporre prezzi, stabilire gli orari di lavoro. Una mini-imprenditrice. E da allora è cambiato poco... intendo in altezza.
Ah per quanto riguarda le Barbie invece si sappia che le rapavo a zero e le trasformavo in delle punk pazzesche, colorando i capelli con i pennarelli. Mentre per quanto riguarda i poveri Ken, sono finiti ripetutamente contro il muro della mia cameretta, senza testa. RIP.

Se potessi essere la protagonista di un film, chi saresti?
Questa è facile. Tutta la vita Allie di "The Notebook" (o "Le pagine della nostra vita" in italiano). Gran film. Romanticissimo. Ma con una donna con le palle.

Cosa fa di un giorno come tutti gli altri un giorno di vacanza?
Il mare. Abitando a Milano essere in vacanza significa scappare al mare. Sono fortunata perché ho la possibilità di scappare in Liguria (posto che AMO!) non appena posso.

La mansione che ti piace di più svolgere al lavoro.
La pausa caffè. In realtà è la mansione preferita del mio capo che spunta dal nulla con la sua bella testina semipelata e un sorriso a 156 denti "Caffè?". Ecchennò?
Comunque mi piace organizzare i viaggi. E allestire gli stand ai congressi.

Qual è la musica che ti fa ballare?
Me ne vergogno. Quelli tipo... Pitbull. Tamarria portami via.

Una cosa che da piccola ti faceva tantissima paura.
Il buio.

Quello che più ti terrorizza ora che sei grande.
Mia madre. E la solitudine. Della serie che se resto zitella, chi la sente?

Il libro che regaleresti al tuo migliore amico.
"Come smettere di farsi le seghe mentali" di Giulio Cesare Giacobbe.
In realtà l'avevo comprato per il mio ex. Ma pare gliel'avessero già regalato (che è tutto dire).
Comunque resta un valido consiglio per tutti.

Sei una nerd?
Zero. Sono un'incapace unica. Ho scoperto stasera che cos'è il Paypal. E tipo per comprare 3 libri su Amazon ci sto mettendo una vita. Anche perché mi chiedo "E se me li consegnano quando non ci sono? Che succede?"
(l'avevo detto che il libro era utile!)

Qual è lo sport che ti sei rassegnata a fare per far finta di non essere una nerd?
Una gara di rutti con mia madre, conta? Oh ci vuole energia. Si fa fatica!

Se tu fossi un pittore, che cosa raffigurerebbero le tue tele?
Bella domanda. Ho subito pensato a un gran casino, ma non è possibile perché sono una cazzo di pignola. Probabilmente ci sarebbe solo un punto. Al massimo un punto di domanda. Toh!

Twin Peaks: quale era il tuo personaggio preferito (non per forza quello in cui identificarsi)?
All'epoca di TP stavo ancora nella pancia di mia madre. Per cui... Chi ha ucciso Laura Palmer? EH? EH?

Come sei vestita in questo momento? E, se potessi scegliere, cosa indosseresti per tutta la vita?
Tuterrima.

Il cibo di cui non riesci a fare proprio a meno.
Le cotolette e la pasta e piselli. N'accoppiata!

Il difetto che più ti fa impazzire nella persona amata.
La mancanza di carattere. L'ho detto che sono un maschiaccio. Sono io a portare i pantaloni. E voglio un uomo che sappia starmi dietro. Che non è facile.

Descrivi cos è, per te, un momento di felicità perfetta.
Il parco. Il parco e il sole. Per me è un posto magico. La domenica d'estate, verso le 6. Quando fa caldo, ma non tanto. Ti sdrai, guardi il cielo blu. E sei felice. Con niente. Perfetto, no?

Stai detestandomi per questa rottura di palle dell'intervista?
Ti starò ancora simpatica o hai capito solo adesso quanto posso essere rompicoglioni?

....... diplomatico no comment ....... scherzo!

I bambini, sono di sinistra?
Non lo so, ma spero che all'asilo gli insegnino il "Rap comunistico" PI-SA, PISAPIAPISAPIA! ahahah


Un giretto sul blog di questa Lolita-maschiaccio
fa sempre bene all'umore.
Come al solito ecco subito trovate le similitudini tra la sottoscritta e l'intervistata, giochetto ormai stra-noto: non proprio delle cuoche sopraffine, l'amore per il mare, poi il grande classico: la paura del buio; non sottovaluterei, come risposta interessante, la paura della mamma, ti posso capire!!!!! LTfgg non avere paura, non sei nerd nemmeno secondo me, sei pure figa tra l'altro, che problemi ti fai?


Alla prossima.
E continuate ad inviarmi le vostre risposte,
se ancora non l'avete fatto!


3 commenti:

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

queste domande mi suonano stranamente famigliari ahaha :)

comunque bella intervista e nice rispostes!

pa ha detto...

vi organizzo un appuntamento? ;))))

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

va bene ahahaha :D

bazzicano da queste parti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...