in due parole, tanto per non farla lunga.

La mia foto
Grafica milanese. Ossessionata, ossessiva, ossessionante (vedi alla voce figlia e madre e moglie, decisamente ossessionante). In un'altra vita volevo essere una di quelle tizie che vanno in giro a scoprire le nuove tendenze, si dice così? Come si porta l'orlo dei jeans e come ci si trucca per avere un aspetto vissuto ma etereo, cose di questo tipo. Nel frattempo cerco di fare poche cose ma discretamente bene. Non mi sono comprata l'impastatrice, per intenderci. E sono di quelle convinte che l'arte ci salverà la vita. Sempre se non ci prenderemo troppo sul serio, però.

sabato 18 settembre 2010


Si preannuncia una notte buia e tempestosa. Dopo aver lavorato di sabato mi sento in credito con il mondo, e per strafare ho avuto tanta voglia di preparare un minestrone, pieno di cose che fanno venire allegria, come lo zenzero, come le erbette magiche di Tita. Minestrone, due film di fila, maglioni di lana nuovi da H&M: oggi siamo piombati in autunno e la cosa non mi dispiace per nulla. Per giunta i miei capelli sono di nuovo cortissimi e la cosa mi fa sempre più star bene con me stessa. Domani sarò in giro tutto il giorno, ma stasera mi gusto tutto questo, e mi sembra meraviglioso. Vorrei che la notte non finisse mai, che fosse satura di libri, di odori, di visioni da maxischermo, di risate. E allo stesso tempo vorrei sprofondare tra i cuscini e scordarmi di tutto.Avrei anche fin troppi post da scrivere; non ho ancora pubblicato le foto più importanti delle vacanze, quelle dei quarant'anni di matrimonio dei miei genitori e della bella festa con gli amici che abbiamo organizzato; oppure le foto del festival della letteratura di Mantova. Ci sono stata ed è sempre stratosferica, l'atmosfera che si respira. Stavolta Nick ha persino preso un caffè spalla a spalla con Scianna! O anche, posso prendermi - e prendervi - in giro indossando qualche outfit con gli acquisti di oggi.
Ma soprattutto, proseguire a mostrarvi gli scatti delle persone rubati per strada, che mi divertono da pazzi anche se ancora sono troppo timida per farli mentre mi vedono...Vado in cucina, non vorrei che qualcosa bruciasse!

1 commento:

nick ha detto...

è il profumo che mi accoglie quando apro la porta col tuo sorriso che asciuga questa pioggia che mi è entrata ad inumidire persino il cuore.
love.
Mr. B.

bazzicano da queste parti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...